Agenzia immobiliare, la provvigione si detrae dalle tasse

Il governo italiano negli ultimi anni ha fatto tutto il possibile per aumentare la tassazione sugli immobili e frenare la ripresa di questo mercato. All’interno di un quadro fiscale esasperante, però, ci sono anche delle buone notizie.

Devi sapere, infatti, che in alcuni casi è possibile portare in detrazione la provvigione dell’agente dalle imposte. Parliamo di detrazione vera e propria, non di deduzione: la somma che potrai scaricare si sottrae, dunque, direttamente dalle imposte che devi allo Stato. In questo modo puoi approfittare “a prezzo scontato” del servizio offerto dal professionista, ma solo rispettando alcuni criteri.

Vediamo quali siano le condizioni necessarie per usufruire di questa agevolazione, e come compilare il 730 per approfittarne.

Proposta d’acquisto immobiliare: cos’è e come funziona

La proposta d’acquisto è uno dei documenti che bisogna necessariamente conoscere quando si compra o si vende casa. Devi stare attento a non confonderla con il compromesso immobiliare, che abbiamo già trattato in un’altra guida. La differenza è che il compromesso vincola sia chi compra che chi vende un immobile, mentre la proposta d’acquisto vincola (almeno inizialmente) solo l’acquirente. In questa guida voglio spiegarti bene questo strumento e come può esserti utile in una compravendita immobiliare.

Vendere o affittare casa? Guida concreta alla decisione migliore

Sei indeciso su cosa fare del tuo immobile. Potresti venderlo per trasformarlo in liquidità, oppure darlo in affitto. Magari si tratta di una seconda casa che ti sei reso conto di non stare utilizzando granché, oppure hai deciso di trasferirti e stai valutando cosa fare con la casa che lascerai. Quale che sia l’occasione, sono qui per aiutarti a fare la scelta migliore. In questa guida andremo a vedere pro e contro di tutte le opzioni sul tavolo, così potrai capire quale scelta faccia maggiormente al caso tuo.

Conviene vendere casa oggi?

Tante persone mi chiedono se oggi, nel 2019, il mercato immobiliare sia arrivato ad un punto per cui conviene vendere casa. La risposta, in buona parte dei casi, è sì: lo è, perché oggi una casa non vale tanto più di quanto potrebbe valere domani. Nella maggior parte delle zone d’Italia i prezzi continuano a scendere, in alcune grandi città sono stabili e solo in pochi quartieri salgono. In queste condizioni, quindi, è meglio liberare la liquidità investita in immobili e approfittare del momento positivo per altri tipi di investimento.

Tutto quello che vorresti sapere sulla provvigione di un agente immobiliare

L’agente immobiliare, ancora oggi, è un professionista insostituibile nel mercato delle case. Il suo ruolo è quello di fare incontrare domanda e offerta, facendo quindi da intermediario in cambio di una provvigione. Questa provvigione è pattuita inizialmente con il proprietario dell’immobile, che pagherà soltanto nel caso in cui la mediazione vada a buon fine. Il diritto alla provvigione decorre successivamente alla stipula di un accordo scritto tra venditore e acquirente; L’accordo potrà essere un preliminare di compravendita (il compromesso immobiliare) ma anche una proposta di acquisto contrattata dal venditore (che di fatto diviene così un contratto preliminare) .
In questa guida voglio aiutarti a fare luce su alcuni aspetti che, se stai per acquistare o per vendere casa, possono sicuramente essere interessanti:

  • A quanto dovrebbe ammontare la provvigione di un agente immobiliare su un certo immobile;
  • Chi deve pagarla e quando;
  • Il rimborso spese, un argomento sottovalutato;
  • Conviene pagare la provvigione o è meglio lasciar perdere gli agenti immobiliari?

Abbiamo parecchio da dire, quindi direi di gettarci a capofitto nell’argomento.